Uscita dai sistemi arcaici come lo schiavismo o la servitù se si vuole con una forza di lavoro sotto forma di tempo o di macchia bisogna rispettare alcune regole contrattuali. L'impiego o il lavoro viene retto da un contratto tra un datore di lavoro ed il suo lavoratore qualificato o no, in vista della realizzazione di un lavoro mediante una remunerazione in cambio. È un accordo di volontà tra le due parti dove c'é un legame di subordinazione diretta tra il datore di lavoro ed il suo salariato. In materia di mano d'opera, l'impresa essendo una pitra angolare di non poca importanza, deve portare lo sguardo sulle scelte dei futuri lavoratori,che si adopereranno a far funzionare le predette imprese. Il datore di lavoro ha l'obbligo di garantire al suo salariato, delle buone condizioni di lavoro nelle quali quest'ultimo si evolverà progredendo nella carriera.

La sollecitazione di un impiego, si manifesta tramite una domanda d'impiego o di lavoro e di tutti i documenti allegati che si aggiungono a questa domanda come un curriculum vitae detto CV che riepiloga la sua formazione iniziale, la sua esperienza professionale ed una lettera di motivazione. Si trovano degli esempi di lettera di questo tipo su siti specializzati. Il datore di lavoro deve riservare a questa domanda un'attenzione particolare rispetto alle informazioni ottenute dal suo futuro impiegato, se questo verrà 'assumo. Per mezzo dell'interim le imprese possono trovare del personale per un breve periodo. Passano anche delle offerte di impiego sotto forma di inserzioni. Gli uffici di reclutamento ed i procacciatori propongono anche un servizio di qualità per trovare la persona che corrisponderà ai requisiti della domanda della società che cerca di reclutare.